Chat with us, powered by LiveChat

Tallin giornate medievali

Tallin giornate medievali

Tallin giornate medievali
Quando: 09-12.07.2020
Dove: Tallin centro storico

Ogni anno, nel mese di Luglio, la Piazza del Municipio di Tallin ritorna al suo storico passato: tra dame e cavalieri, artigiani e cortigiani, la piazza si anima di rievocazioni di battaglie, danze e giochi medievali, con numerosi intrattenimenti per i visitatori. Quattro giorni di grande festa per rivivere le magiche atmosfere del Medioevo.

Tallin è la capitale dell’Estonia. La sua movimentata storia ha inizio nell´XI secolo, mentre un documento scritto la nomina per la prima volta nel 1154. E` situata sulla riva meridionale del golfo di Finlandia, in posizione favorevole, e il suo porto ha avuto un ruolo fondamentale per la nascita e lo sviluppo della città. La capitale estone ha oggi una superficie di 158 km² e ca. 400.000 abitanti (nel 1991, prima della nuova indipendenza estone, gli abitanti erano oltre 500.000).
La città è costituita da oltre 60 aree urbane, a volte tanto diverse che sembrano situate in paesi diversi, tutto dipende da quando, da chi e per chi sono state costruite. Tali aree sono separate da laghi, da zone paludose, da un’alta scogliera di pietra calcarea, da boschi, dalla sinuosa linea costiera e da altri ostacoli naturali. I nostri quartieri di case in legno sono ormai una rarità in Europa e hanno suscitato l’interesse degli architetti a livello internazionale.
Di particolare valore è il romantico Centro storico che nonostante le aggiunte di epoche successive ha conservato intatto l’aspetto medievale. Tallin è appartenuta alla sfera culturale tedesca per settecento anni, ma conserva anche testimonianze della presenza degli altri dominatori dell´Estonia. La città fu però edificata da maestranze estoni, che poterono lavorarvi anche quand’era in mano agli stranieri. La cultura e i costumi estoni influenzarono quelli dei tedeschi locali, spesso cresciuti da donne estoni che avevano cantato loro ninnenanne in estone. A Tallin è perciò possibile avvicinarsi a due culture: la cultura nazionale estone odierna e la cultura dei tedeschi del Baltico, un crogiolo, a cui contribuirono i rappresentanti di tutti gli altri popoli che nel corso dei secoli conquistarono e dominarono la città, estoni compresi.

Per maggiori informazioni cliccare qui

Contenuti Correlati